Itinerario nel Salento di 7 giorni: cosa fare e vedere – 2020

Santa Croce Lecce

Durata Soggiorno 7 days.

Primo Giorno: Lecce, la città del Barocco
Secondo Giorno: Otranto, la città e il mare
Terzo Giorno: Marine di Melendugno
Quarto Giorno: Grotte e Terme
Quinto Giorno: Santa Maria di Leuca
Sesto Giorno – Galatina e Gallipoli
Settimo Giorno – Parco Naturale Porto Selvaggio – Porto Cesareo






  • Primo Giorno: Lecce, la città del Barocco
    Basilica di Santa Croce

    Santa Croce Lecce
    La basilica di Santa Croce è una chiesa del centro storico di Lecce, simbolo del Barocco Leccese.
    Indirizzo: Via Umberto I, 1, 73100 Lecce LE, Italia

    Cattedrale Santa Maria Assunta

    Cattedrale Santa Maria Assunta Lecce
    La Cattedrale si trova in Piazza Duomo, è il principale luogo di culto cattolico di Lecce, altra espressione del Barocco Leccese.
    Indirizzo: Piazza del Duomo, Lecce LE, Italia

    Piazza Sant’Oronzo – Anfiteatro Romano

    PiazzaSant'Oronzo Lecce
    Piazza Sant’Oronzo Lecce, simbolo della storia millenaria di Lecce, comprende l’Anfiteatro Romano e la colonna dedicata a Sant’Oronzo

  • Secondo Giorno: Otranto, la città e il mare
    Cattedrale di Otranto

    Cattedrale di Otranto
    La cattedrale, edificata sui resti di un villaggio messapico, di una domus romana e di un tempio paleocristiano, fu fondata nel 1068 dal vescovo normanno Guglielmo, al suo interno mosaici, la cripta e le reliquie dei Martiri di Otranto.
    Indirizzo: Piazza Basilica, 1, 73028 Otranto LE

  • Castello Aragonese

    Castello Aragonese Otranto
    Il castello, fortezza della città di Otranto, diede il nome al primo romanzo gotico della storia, è connesso con la cinta muraria della cittadina con cui forma un unico apparato difensivo. Oggi ospita mostre ed eventi.
    Indirizzo: Piazza Castello, 73028 Otranto LE

  • Porto Badisco – Otranto

    Itinerari Salento 7 Giorni - Spiaggia di Porto Badisco
    Bellissima Insenatura con spiaggia attrezzata e servizi.
    GPS: 40.081565, 18.482430

  • Baia dei Turchi – Otranto


    Baia Dei Turchi Otranto
    Località Baia dei Turchi, 73028 Otranto LE

  • Terzo Giorno: Marine di Melendugno
    Torre Sant’Andrea

    Torre Sant'Andrea - Foto Giuseppe Milo Flickr
    Torre Sant’Andrea si trova a 10 minuti da Masseria Saittole

  • Torre dell’Orso

    Torre dell'Orso
    Torre dell’Orso

  • San Foca

    Masseria San Foca - Melendugno
    San Foca

  • Roca – Grotta della Poesia

    Grotta della Poesia Roca
    Foto Barbara Bergamaschi – Flickr

  • Quarto Giorno: Grotte e Terme

  • Castro – Grotta della Zinzulusa

    Castro Zinzulusa
    Grotta della Zinzulusa – Castro

  • Santa Cesarea Terme

    Santa Cesarea Terme
    Santa Cesarea Terme

  • Quinto Giorno: Santa Maria di Leuca

  • Ciolo – Gagliano del Capo

    Ciolo Gagliano del Capo

  • Santa Maria di Leuca

    Santa Maria di Leuca

  • Sesto Giorno – Galatina e Gallipoli

    galatina

  • Galatina

  • Gallipoli

    Gallipoli_Città_Vecchia

  • Settimo Giorno – Parco Naturale Porto Selvaggio – Porto Cesareo

    Porto Selvaggio

  • Parco Naturale di Porto Selvaggio

    Porto Selvaggio MAsseria

  • Porto Cesareo

    Porto Cesareo

  • Punta Prosciutto

Mare e Spiagge nel Salento

Spiagge Puglia

Masseria Salento vicino al Mare – Itinerari nel Salento

Panorama del Salento

Masseria nel Salento vicino al mare

Il Salento terra di mare e sole splendente, con le sue coste intervallate da scogliere panoramiche e spiagge bianche.

Non solo, a poca distanza dalle coste si trovano mete ricche di storia, cultura e con deliziosi piatti tipici. 

Masseria nel Salento Mare Itinerari – Spiagge nel Salento

Abbiamo selezionato spiagge, lidi e località balneari tra le numerosissime località salentine in base alle nostre esperienze e a quelle dei clienti dell’agriturismo. 

Le coste del Salento ed il suo mare circondano l’area, sono estese per più di duecento chilometri, e sorprendono non solo per la bellezza di alcuni tratti ma soprattutto per la varietà che offre allo sguardo.

Oltre a spiagge bianche con acque cristalline, il paesaggio viene arricchito dalle numerose torri costiere e da stupende scogliere panoramiche.

  • Itinerari Salento – Costa Adriatica e Costa Ionica
  • Masseria nel Salento Mare Itinerari – Spiagge nel Salento

Più di 100 Spiagge da vedere in Puglia

Più di 100 spiagge da vedere in Puglia. Lista con GPS e indicazioni stradali Spiagge Pugliesi con mappa Naviga, scopri...
Read More
Più di 100 Spiagge da vedere in Puglia

Itinerario nel Salento di 7 giorni: cosa fare e vedere – 2020

Durata Soggiorno 7 days. Primo Giorno: Lecce, la città del Barocco Secondo Giorno: Otranto, la città e il mare Terzo Giorno:...
Read More
Itinerario nel Salento di 7 giorni: cosa fare e vedere – 2020

Mare e Spiagge nel Salento

Masseria Salento vicino al Mare - Itinerari nel Salento https://www.flickr.com/photos/mbald60/7950372506/in/photolist-d7xJL3-QKog59-88Zeho-dSBMzC-tAx8uB-NZDDXw-z79BqP-C6dBUr-5gDZTP-rKxcMU-HgjmLP-fNdESy-2TkWnn-WvACLq-29gY6cW-4ZQrAY-VQgg7e-28YVWsQ-oS2jBY-4wfzBo-4LNuyM-qtsyYW-drX9e9-wtUQ42-SxFtcY-dqdcnz-fCYasJ-dzJZEV-4wbpV8-4wbqan-drvJYa-h5UjsF-4wbqk6-pBgRgu-74rnyn-B1sms2-xJJNqx-5TRBSR-nFK6Cm-JqLP37-xzu1EN-LE1FKc-GaKYj-4AH5yg-3uZN6Y-gAyBoU-ddH9Zo-5rKn9E-JdVwu7-KGtUGk Masseria nel Salento vicino al mare Il Salento terra di mare e...
Read More
Mare e Spiagge nel Salento

Gallipoli

  Gallipoli, Storia della città, Il castello, luoghi da vedere Città fondata dei Messapi, comunemente si ritiene che il nome...
Read More
Gallipoli

Otranto

Otranto, Storia della città, Cattedrale, spiagge Otranto, chiese da visitare https://it.wikipedia.org/wiki/Otranto Otranto è la città più a Est d'Italia, la...
Read More
Otranto

Lecce

Lecce, Storia e luoghi da visitare, Lecce Barocca Lecce, capolavoro del Barocco Il centro storico della città è interamente costruito in...
Read More
Lecce

Per chi si vuole avventurare alla scoperta delle coste, le numerose grotte marine, le caverne, le falesie, le zone naturalistiche offrono un’ampia scelta di alternative.

Masseria Salento vicino al mare: Per scoprire la litoranea salentina è possibile partire da San Foca, a pochi chilometri dalla Masseria Saittole.

 Masseria vicino Torre dell’Orso

Le decine di chilometri di costa che partono da Melendugno e finiscono a Castro hanno ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui la Bandiere Blu e le vele di Legambiente per la purezza delle acque e la salvaguardia del patrimonio naturalistico.

Superata San Foca, subito dopo si incontrano le località di RocaTorre dell’Orso e Torre Sant’Andrea.

La costa in questa zona presenta bellissime spiagge sabbiose intervallate da piccole scogliere e insenature.

Roca Vecchia oltre ad avere un sito archeologico dell’antica città è famosa soprattutto per la Grotta della Poesia, bellissima piscina naturale con acque smeraldo.

Torre dell’Orso è conosciuta per la famosa baia con la sua spiaggia sabbiosa, più in avanti Torre Sant’Andrea offre una piccola spiaggia e numerose scogliere, tra le più conosciute questo bellissimo arco naturale.

Masseria vicino Laghi Alimini Otranto 

Laghi Alimini sono immersi tra le pinete e la macchia mediterranea.

La zona circostante è un oasi protetta ricca di specie faunistiche salvaguardate, le spiaggia degli Alimini è immensa e ancora incontaminata, le dune e la pineta sono rimaste intatte.

Nella zona mete come Frassanito e la Specchiulla attirano da decenni gli amanti del surf.

 Masseria Baia dei Turchi Otranto

Poco prima di raggiungere Otranto troviamo la Baia dei Turchi, scelta nel 1480 come approdo prima dell’assedio della città da parte dell’esercito turco, ricca di spiaggette e insenature.

 Masseria vicino Otranto

Masseria vicino Otranto: Arrivati ad Otranto troviamo una delle più conosciute località della zona, la città vecchia porta ancora le testimonianze di millenni di storia.

Una passeggiata nel centro storico di Otranto è come sfogliare un libro di storia, il periodo bizantino con la Chiesa di San Pietro, la Cattedrale con il mosaico risalente al XII secolo e le reliquie dei Santi Martiri e infine l’imponente castello aragonese che domina il centro storico e la città vecchia.

A partire da Otranto la costa cambia, alle spiagge bianche si sostituiscono le scogliere e le insenature, poco dopo troviamo Punta Palascia, il punto più ad Est d’Italia.

Porto Badisco oltre ad offrire un panorama stupendo custodisce nelle sue grotte una quantità straordinaria di testimonianze preistoriche e graffiti purtroppo non accessibili al pubblico.

Di grotte e scogliere è ricca anche la città termale di Santa Cesarea Terme, conosciuta per le sue terme sin dal periodo romano.

Lo stile moresco ed eclettico caratterizzano una serie di bellissime ville costruite a partire dalla fine dell’800 incastonate nelle scogliere e decorate dalla macchia mediterranea.

Proseguendo verso Sud troviamo le grotte più conosciute del Salento, La grotta Zinzulusa e Romanelli.

Zinzulusa fu scoperta nel 1793 dal vescovo di Castro, e fino al 1950 e rimasta chiusa al pubblico, al suo interno la varietà di stalattiti, caverne, sorgenti ne fanno una meta obbligata.

Castro, centro di origini antichissime, conosciuto come Castrum Minervae dai romani, vanta un porto collocato in un’insenatura stupenda che domina il paesaggio circostante e vanta acque cristalline.

Avvicinandosi all’estremità più meridionale della Puglia non si può fare a meno di fermarsi per ammirare il Canale del Ciolo a Gagliano del Capo ed il suo punto panoramico dall’omonimo ponte.

Dopo aver percorso più di 70 chilometri da San Foca si è finalmente arrivati a Santa Maria di Leuca, il faro di Leuca situato a 102 metri di altitudine e con la sua altezza di 48 metri divide l’Adriatico dallo Ionio.

La Basilica di Santa Maria di Leuca de finibus terrae vanta origini e leggende antichissime, dalle storie tramandate si racconta che lo stesso San Pietro abbia fatto tappa a Leuca durante il suo viaggio a Roma.

La zona intorno a Santa Maria di Leuca è ricchissima di grotte, l’estremo tacco d’Italia si trova a Punta Ristola, qui termina il mare Adriatico con la sua varietà di spiagge, insenature e scogliere.

La parte ionica del Salento si differenzia notevolmente da quella adriatica, le scogliere diventano più basse e le spiagge più numerose, alle coste più incontaminate e selvagge si sostituiscono piccoli centri e borghi sul mare con spiagge attrezzate, villaggi turistici e paesaggi urbanizzati.

Una volta arrivati nel parco naturale di Punta Pizzo si può iniziare a vedere la bellissima baia di Gallipoli, tra le località e mete balneari più belle: Punta della Suina Baia Verde.


Una volta raggiunto Gallipoli è possibile immergersi di nuovo nella storia.

Camminando tra i vicoli del borgo medievale ricco di chiese e palazzi e delimitato dalle mura e dal castello angioino circondato quasi esclusivamente dal mare, pur avendo una storia millenaria Gallipoli è oggi meta internazionale del divertimento.

L’altra città balneare ricca di bellissime spiagge è Nardò con Santa Caterina.

Tra le altre località della zona Porto Selvaggio con la Grotta di Uluzzo e l’omonima baia.

Spiagge e località del Salento

Masseria nel Salento Mare Itinerari – Spiagge nel Salento – Foto

Porto Badisco – Otranto

Porto Badisco

Torre dell’Orso

Torre dell’Orso - Panorama

Torre Sant’Andrea – Melendugno

Torre Sant'Andrea, Melendugno, Province of Lecce, Italy

Baia dei Turchi – Otranto

01_baia dei turchi

Alimini – Otranto

Laghi Alimini

Roca – Grotta della Poesia

La Poesia

Baia Verde – Gallipoli

Baia verde

Ciolo – Gagliano del Capo

puzzle : trova l intruso - find the intruder

Porto Cesareo – Spiaggia

Porto Cesareo (LE) Italia

Porto Selvaggio – Nardò

https://www.flickr.com/photos/alessandrospadavecchia/36288381460/in/photolist-XhFrxj-22DqPuc-8eRPPe-JXC7UW-JXCbBq-7cxWMi-JZSV4Z-TpK2c5-6YLM4J-6WLVfj-XeuiTq-3186vs-oJ5uvq-4hQAEN-RbtDyM-XLyZrL-rfSSN-8DL3Fg-8xeb5p-dxYjac-fCZcpz-KSrjx9-ayyJL8-8wyhwx-dA42NS-dzXxUn-dA42ju-8eRPXB-8eRPTT-oQ8cdz-6MRdGw-9ZFavg-86MWDL-5dVBNn-5r4K5k-JXC9zQ-pTtht-oVEwNZ-nfTGR-oAswNu-oJ9PNQ-fadJXv-wRs58h-fasWL9-fb8DgS-fb8Mgo-4J62Rc-7yYDqE-xrdiyw-7jqN6D

Punta della Suina – Gallipoli

Punta della suina

Punta Prosciutto – Porto Cesareo

Punta Prosciutto, Porto Cesareo, Lecce, Italy

Santa Caterina – Nardò

Santa Caterina, Nardò, Lecce, Italy

Santa Cesarea Terme

Santa Cesarea Terme

Torre Lapillo

Torre Lapillo

Gallipoli

 

Gallipoli, Storia della città, Il castello, luoghi da vedere

Città fondata dei Messapi, comunemente si ritiene che il nome significhi “Citta bella” in greco da Καλλίπολις (Kallí Pólis o Kallípolis).

Si trova sullo Ionio, il centro storico si trova in una piccola isola collegata con la terraferma da un ponte, quasi completamente circondata da torri e fortificazioni.

Come Otranto, Gallipoli si trova in una posizione strategica ed è stata spesso teatro di assedi e attacchi, fondata dai Messapi, parte della Magna Grecia, conquistata dai Romani, seguì successivamente le dominazioni del resto della regione.

L’isola nel cuore di Gallipoli è ricca di chiese Barocche e palazzi nobiliari, che testimoniano la ricchezza della città come porto commerciale, la città era il centro commerciale del commercio dell’olio di oliva di tutta la Terra d’Otranto.

Le coste intorno a Gallipoli sono ricche di spiagge con acque trasparenti e sabbia cristallina.

Cosa vedere a Gallipoli

  • Il castello aragonese: costruito in epoca bizantina, venne ampliato e fornito di fortificazioni e torri in epoca successiva
  • Basilica Concattedrale di Sant’Agata: chiesa barocca del XVII secolo

Gallipolicomune italiano

Gallìpoli, conosciuta come perla dello Ionio, è un comune italiano di 20 259 abitanti della provincia di Lecce in Puglia.

Chiesa Santa Maria degli Angeli
Museo del mare
Teatro Garibaldi
Punta Pizzo
Gallipoli
 
 
 
Museo civico «Emanuele Barba» e sala Collezione Coppola
Cala Fontanelle
Darsena Fontanelle
Porticciolo San Giorgio di Gallipoli
Porto Gaio di Gallipoli
Porto Mercantile di Gallipoli
Seno del Canneto di Gallipoli
Baia Verde
Punta della Suina
Torre San Giovanni la Pedata
Torre del Pizzo
Torre Sabea
Fontana greca
Palazzo Specolizzi
Biblioteca comunale di Gallipoli
Cattedrale di Sant’Agata
Chiesa del Santissimo Crocifisso
Chiesa di San Francesco di Paola
Chiesa di San Francesco d’Assisi
Chiesa di Santa Maria della Purità
Santuario di Santa Maria del Canneto
Palazzo Granafei
Palazzo Pirelli
Palazzo Senape De Pace
Parco Naturale Regionale Isola di Sant’Andrea e Litorale di Punta Pizzo
Lungomare Galilei
Castello di Gallipoli
Faro di Gallipoli
Palazzo Balsamo
Museo diocesano

Otranto

Otranto, Storia della città, Cattedrale, spiagge Otranto, chiese da visitare

https://it.wikipedia.org/wiki/Otranto

Otranto è la città più a Est d’Italia, la prima a vedere l’alba del nuovo anno, durante la storia la sua posizione decretò le sue fortune e le sue cadute.

La storia, l’architettura, i panorami, la vita notturna e le spiagge fanno di Otranto una delle città più caratteristiche della Puglia.

Otranto da in nome all’omonimo canale adriatico, posizione strategica nota da millenni, durante il periodo Romano divenne un porto commerciale importante ed un punto di partenza verso l’Oriente, permetteva di viaggiare verso Est limitando al massimo l’uso della nave, ci sono testimonianze del passaggio degli imperatori Lucio Vero e Marco Aurelio.

L’assedio di Otranto del 1480 e il martirio degli Otrantini

La sua posizione privilegiata esponeva Otranto ad attacchi ed invasioni, il più tristemente noto è l’assedio da parte dei Turchi nel Luglio del 1480.

Una serie di eventi di carattere politico e militare portò l’impero Ottomano comandato dal generale Gedik Ahmed Pasha ad attaccare Otranto.

Una serie di eventi facilitò l’attacco turco, nel 1479 venne siglata la pace tra i Turchi e Venezia, mentre nello stesso periodo le armate aragonesi e pontificie erano occupate dal 1478 in una guerra contro Firenze.

I Turchi erano quindi sicuri di poter entrare nell’Adriatico grazie alla neutralità di Venezia ed erano anche consapevoli dell’ostilità tra Venezia e gli altri stati italiani.

Il 28 Luglio del 1480 inizio l’assedio di Otranto da parte di 18000 soldati turchi sbarcati con 150 navi. gli abitanti di Otranto resistettero tenacemente agli attacchi dei Turchi per più di due settimane, dopo aver rifiutato di abbandonare la loro fede cristiana per abbracciare quella musulmana.

Il 12 Agosto i Turchi entrarono in città, gli episodi che seguirono sono una serie di incredibili crudeltà verso la popolazione otrantina disarmata e stremata dall’assedio.

Gran parte della popolazione venne sterminata, donne e bambini ridotti in schiavitù, la Cattedrale di Otranto venne occupata e i fedeli vennero uccisi e dopo venne utilizzata come ricovero per i cavalli.

il 14 Agosto presso il colle della Minerva, 800 otrantini che non vollerò rinnegare la propria fede vennero decapitati o trafitti.

L’eco della presa di Otranto risuonò in tutta Italia ed Europa, lo stesso pontefice temeva un assedio di Roma da parte dei Turchi.

Successivamente Sisto VI proclamò una crociata contro i Turchi. Nel frattempo i Turchi si dedicarono a razzie e devastazioni nel territorio salentino, tra cui la distruzione del monastero di San Nicola di Casole, che ospitava allora una delle biblioteche più ricche d’Europa.

Nel 1481, grazie agli aiuti provenienti da altri stati italiani, a uomini quali Ciro Ciri, detto Ciro di Castel Durante, “maestro ingegnere” inviato dal duca di Urbino, al nobile genovese Paolo Fregoso e da aiuti dai portoghesi e dal regno di Napoli la città venne riconquistata.

La morte di Maometto II ed una serie di ostilità all’interno dell’impero turco contribuì alla sconfitta dell’esercito turco. Dopo l’assedio Otranto non riuscì più a recuperare il suo status e la sua importanza nella regione.

Gli 800 martiri sono esposti all’interno della Cattedrale di Otranto, dichiarati beati il 14 dicembre 1771 da papa Clemente XIV, sono stati canonizzati il 12 maggio 2013 da papa Francesco.

La città oggi

Otranto è oggi una delle città più affascinanti da visitare nel Salento. Il castello, le mura e le torri dominano la città. il centro storico è ricco di ristoranti e locali, dalla città di può ammirare il panorama sul mare e godere delle spiagge.

Cosa vedere ad Otranto

  • La Cattedrale: risalente al 1088, in stile romanico, contiene all’interno un mosaico risalente al 1200 che rappresenta l’Albero della Vita con allegorie e simboli cristiani.
  • Chiesa di San Pietro: chiesa bizantina risalente al IX secolo, con affreschi del X secolo
  • Laghi Alimini: si trovano a pochi km da Otranto, nelle vicinanze la spiaggia “Baia dei Turchi” dove i Turchi approdarono nel Salento.
  • Palascia: il punto più a Est d’Italia, punto panoramico.
  • Porto Badisco: insenatura ricca di grotte e spiagge. Secondo la leggenda fu l’approdo di Enea. presso Porto Badisco si trova la Grotta dei Cervi, ricca di pittogrammi risalenti al Neolitico (non accessibile al pubblico).

Lecce


Lecce, Storia e luoghi da visitare, Lecce Barocca

Lecce, capolavoro del Barocco

Il centro storico della città è interamente costruito in pietra leccese, ricco di chiese e bellissimi palazzi, le stradine del centro storico offrono una prospettiva unica sulla città e sui monumenti.

La città con i suoi 2000 anni di storia è oggi il maggiore centro del Salento e sicuramente la città più visitata dai turisti, gli abitanti tuttavia hanno mantenuto le produzioni tipiche quali l’olio d’oliva, i vini, le ceramiche e tradizioni artigianali come la cartapesta leccese.

Storia

L’origine di Lecce è antichissima, le leggende narrano di insediamenti già durante la guerra di Troia, tuttavia le testimonianze storiche risalenti al periodo romano sono evidenti. durante il periodo di Adriano vennero costruite le prime mura, il teatro e un anfiteatro da 25000 posti dimostrano l’importanza della città e la sua dimensione.

Dopo la caduta di Roma, passò sotto il controllo bizantino, fino al XI secolo in cui i Normanni conquistarono la regione, la città prosperò sotto il Regno di Sicilia fino a diventare una tra le più importanti nell’Italia meridionale.

Il Barocco Leccese nel XVII secolo cambiò totalmente l’aspetto della città, le chiese e i palazzi vennero rinnovati e nuovi edifici diventarono parte della città, la Lecce barocca che oggi tutti possono ammirare.

Cosa vedere a Lecce

  • La Basilica di Santa Croce: terminata nel 1695 dopo quasi due secoli di lavori, la facciata viene considerata la più elevata manifestazione del barocco leccese.
  • Piazza del Duomo: altro esempio di barocco leccese, Il duomo risale al XII secolo, durante il periodo barocco venne aggiunto il campanile alto 70m e le facciate dei palazzi vennero ridecorati.
  • Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo: chiesa normanna costruita da Re Tancredi di Sicilia nel 1180. nel 1700 statue e decorazioni vennero aggiunte alla facciata seppur mantenendo l’impostazione originaria. Il risultato finale è una commistione tra l’austerità normanna e la stravaganza del barocco italiano.
  • La statua di Sant’Oronzo: patrono di Lecce, la colonna su cui è posta la statua risale al periodo romano, e rappresentava la fine della Via Appia, venne donata dal popolo brindisino a Lecce, come ringraziamento. (Festa patronale dal 24 al 26 Agosto)
  • Anfiteatro Romano: a poca distanza della statua di Sant’Oronzo, costruito nel 2° secolo a.C. e scoperto soli durante gli anni ’50 del secolo scorso, aveva una capienza di 25000 spettatori.
  • Castello di Carlo V: Carlo V, Re di Spagna, costruì il castello durante il XVI secolo quando Lecce e il Salento erano costantemente sotto attacco degli Ottomani. 

Oltre ai palazzi e alle chiese Lecce è ricca di vita e di eventi. Il centro storico è ravvivato dai turisti e dai locali, bar e ristoranti offrono il meglio delle tradizioni salentine, tra cui i più deliziosi pasticciotti leccesi. Da visitare i numerosi laboratori artigianali della cartapesta.

Musa –
Museo Storico Archeologico dell’Università del Salento
Chiesa di San Matteo
Chiesa
di San Niccolò dei Greci
Chiesa dei Santi Nicolò e
Cataldo e Monastero degli Olivetani
San
Cataldo
Chiesa del Carmine
Museo
Archeologico Faggiano
Parco naturale regionale Bosco e
paludi di Rauccio
Ex
Chiesa di San Francesco della Scarpa
Chiesa di Santa Chiara
Palazzo
del Sedile
Chiesa e complesso parrocchiale
San Giovanni Battista
Chiesa
di Sant’Irene ed ex Convento dei Teatini
Masseria Giampaolo
San
Cataldo
Museo della Cartapesta
Teatro
Paisiello
Torre Chianca
Chiesa
del Gesù
Chiesa del Sacro Cuore
Chiesa
di Santa Maria d’Aurio
Ex Convento degli Olivetani
Museo
Diocesano d’Arte Sacra di Lecce
Museo delle Tradizioni Popolari
Must –
Museo Storico della Città di Lecce
Teatro Politeama Greco
Castello
Carlo V
Palazzo Vernazza
Torre di
Belloluogo e Torre del Parco
Lecce
Lecce
Lecce
Lecce
Lecce
Cattedrale
di Maria Santissima Assunta
Parrocchia di San Nicola dei
Greci Ortodossi
Teatro
Romano
Corso Vittorio Emanuele II
Parco di
Belloluogo
Piazza Mazzini e Via Trinchese
Piazza
Sant’Oronzo
Piazza Duomo
Via
Palmieri
Villa comunale «Giuseppe
Garibaldi»
Approdo
di Casalabate
Basilica del Rosario
Basilica
di Santa Croce
Palazzo Adorno
Palazzo
Carafa
Palazzo del Governo – ex
Convento dei Celestini
Mura
urbiche di Lecce
Faro di San Cataldo
Abbazia
di Santa Maria di Cerrate
Biblioteca provinciale «Nicola
Bernardini»
Collezione
Spada Antichi Strumenti Musicali
Convento di Sant’Antonio da
Padova in Fulgenzio
Anfiteatro
Museo Provinciale ‘Sigismondo
Castromediano’
Pinacoteca
d’Arte Francescana